«

»

Mar 13 2018

Stampa Articolo

Inchiesta cimiteri: comune e AFC chiedono gli atti per sospendere i responsabili

Inchiesta cimiteri comune e AFC chiedono gli atti per sospendere i responsabiliTORINO – L’inchiesta che ha portato agli arresti di alcuni necrofori dei cimiteri torinesi è partita da un esposto della presidente di Afc, l’azienda che ha in carico la gestione dei sei campi della Città. Tra fine 2016 e inizio 2017, a seguito di segnalazioni di dipendenti della società AFC, la presidente Michela Favaro, in accordo con la Giunta Comunale, ha presentato due esposti alla Procura della Repubblica nei quali venivano segnalate all’attenzione dei magistrati alcune anomalie e criticità rilevate da controlli sulle operazioni di cosiddetta “seconda sepoltura”, esumazioni e estumulazioni presso il Cimitero Parco. Gli esposti hanno quindi dato origine a un’inchiesta giudiziaria che ha portato all’applicazione delle misure cautelari a carico dei soggetti coinvolti, come riportato nei recenti fatti di cronaca.
In seguito alla presentazione del primo esposto, la società ha intensificato i controlli interni raccogliendo le informazioni che hanno portato a distanza di pochi mesi alla presentazione del secondo esposto e contestualmente ha intrapreso una collaborazione con gli inquirenti affinché fosse garantito il regolare svolgimento delle attività investigative.
“E’ comune intendimento dei vertici di AFC e della Giunta procedere con fermezza nei confronti dei soggetti coinvolti – spiega l’assessore con delega ai Cimiteri, Marco Giusta – a garanzia del Servizio pubblico e dei cittadini. Affinché fatti simili non abbiano da ripetersi, a partire dal momento della denuncia sono state avviate molte misure correttive, per alcune delle quali si attendeva la chiusura delle indagini per l’attuazione”.
Afc ha dunque presentato oggi, tramite il suo legale, un’istanza al Gip per acquisire copia dei provvedimenti che hanno generato gli arresti, per poter individuare le responsabilità e per procedere alla sospensione dal servizio dei lavoratori coinvolti e alle conseguenti misure disciplinari, non appena terminerà l’attuazione delle misure cautelari.
È stato, inoltre, attivato un confronto tra gli uffici del Comune e della Regione per predisporre un protocollo d’intesa tra i due enti allo scopo di implementare i controlli attraverso il servizio di medicina legale, mentre la Polizia Municipale intensificherà i controlli nelle aree cimiteriali.

Permalink link a questo articolo: http://www.damasio.it/cronaca/inchiesta-cimiteri-comune-e-afc-chiedono-gli-atti-per-sospendere-i-responsabili/41561