«

»

Nov 12 2019

Stampa Articolo

Una scuola per formare i soccorritori di domani

Una scuola per formare i soccorritori di domaniÈ la cronaca di tutti i giorni che ce lo dice. Anche quella di queste ore.
La preparazione e la risposta ai disastri sono diventate tra le principali caratteristiche di quanti operano a vario titolo in situazioni di emergenza.
È il caso dell’aggravarsi degli eventi ambientali, le esondazioni, i movimenti franosi, i terremoti, ma anche degli incendi, degli incidenti stradali, delle problematiche negli impianti industriali.
Diventare un soccorritore significa dover affrontare vari scenari. Ma crescere nella formazione, essendo preparati a affrontare situazioni difficili da un punto di vista tecnico, ma anche psicologico, vuol dire assicurare al paese il proprio supporto di adeguata preparazione in ogni circostanza: quella più critica ma anche quella che può sembrare, apparentemente, normale o di routine.
Significa diventare i soccorritori di domani.
– La NRC-Training School inaugura la propria sede universitaria.
È il primo passo di un grande progetto nazionale che parte dal Piemonte ed è destinato a far nascere una sede della didattica e della formazione dedicata ai soccorritori di domani.
In collaborazione con la Libera Università del Mediterraneo, con strutture didattiche di altri paesi europei, la scuola ospiterà tutte le attività formative, di ricerca e innovazione nell’ambito dell’emergenza extra-ospedaliera e territoriale; guiderà la formazione dei giovani soccorritori e accompagnerà i professionisti del settore con le attività di formazione continua certificata.
Una vera e propria officina della formazione targata NCR-LUM concepita per ispirare le nuove generazioni, attrarre e far crescere talenti attraverso modalità formative innovative nell’ambito dell’emergenza territoriale.
La scuola universitaria è diretta dal Dott. Diodoro Colarusso e avrà una sede in ogni Regione con una offerta formativa per i futuri soccorritori — osservando scrupolosamente la normativa nazionale in merito, senza tralasciare la normativa e le indicazioni regionali, al fine di garantire una formazione completa — per medici e infermieri ma anche per operatori di Protezione civile, Soccorso alpino, Forze dell’ordine operanti in ambito sanitario.
Il progetto prevede la creazione di centri di simulazione quali preziose palestre per la formazione, al fine di diminuire la probabilità di errori.
– Primo master universitario in Area Critica, Emergenza Territoriale ed Elisoccorso 118
A novembre 2019 parte il primo master universitario in area critica, emergenza territoriale ed elisoccorso 118 della NRC-Training School-LUM dedicato a medici ed infermieri. Le sedi attualmente previste saranno per il nord Torino e per il sud Matera. Strutturato con un minimo di ore di lezioni in FAD e la maggior parte in lezioni frontali, vedrà gli studenti impegnati soprattutto in tantissime ore di laboratorio pratico e di tirocinio e al termine del percorso formativo insieme al diploma di master avranno la certificazione da parte dell’associazione tecnico-scientifica NRC per tutti i corsi effettuati. Le novità sono rappresentate dall’introduzione della lingua inglese e spagnola, lezioni sulla cultura araba, lezioni sulla postura in riferimento alla sicurezza sul lavoro, corso sul negoziatore e tante altre novità.
– Matera: il 2° Convegno del Tecnico dell’Emergenza e Soccorso
Il Tecnico dell’Emergenza e Soccorso è una professione che non può più attendere.
Per fare il punto della situazione è stato organizzato il 2° Convegno Nazionale del Tecnico dell’Emergenza e Soccorso, che si svolgerà a Matera il 14 e 15 novembre, presso la Casa per Ferie Sant’Anna dell’Arcidiocesi di Matera-Irsina, in Via Lanera 14.
Giovedì 14 novembre, a partire dalle ore 14, l’inizio dei lavori. Dopo il saluto delle autorità sono in programma le relazioni per la presentazione di NRC e di NRC-Training School, metodi e tecniche della formazione, una relazione sullo stato del Soccorritore in Italia oggi e sul soccorritore e i disabili cognitivo relazionali.
Venerdì 15 novembre la mattinata inizierà con un incontro sulla responsabilità giuridica del Soccorritore. Si parlerà poi della proposta di legge del Senatore Rino Marinello sul Tecnico dell’Emergenza e Soccorso come professione del futuro, del ruolo di NRC-Training School nella formazione dei T.E.S. tra presente e futuro e della presentazione del Master Executive, una scuola per formare i soccorritori di domani. La mattinata si concluderà con la testimonianza delle associazioni sul ruolo del soccorritore ed interventi di Anpas, Croce Rossa, Misericordie, Sasp e Coes. Nel pomeriggio un focus sul Soccorritore e sulla sicurezza sul lavoro e la tavola rotonda con Infermieri 118, C.O. 118, VV.F. Soccorritori e Forze dell’Ordine tra collaborazioni e conflittualità nel presente e nel futuro. In chiusura ancora una relazione sulla responsabilità civile verso terzi.
Verranno organizzati dei corsi pre e post meeting a numero chiuso: mercoledì 13 novembre sulla gestione della potenziale scena del crimine – 8 ore max 12 partecipanti – e sulla responsabilità giuridica del soccorritore – 8 ore max. 18 persone; giovedì 14 novembre sulle centrali operative nelle aree metropolitane – 4 ore max. 12 partecipanti; sabato 16 novembre sui sistemi di valutazione – 8 ore max. 12 partecipanti.
Ulteriori info, schede e moduli iscrizione su: www.nrctrainingschool.com e www.tecnicoemergenzasoccorso.eu

Permalink link a questo articolo: http://www.damasio.it/cronaca/una-scuola-per-formare-i-soccorritori-di-domani/49912